MENSILE DI OPINIONE - POLITICA DI COSTUME - ATTUALITA' - CULTURA -TURISMO - ARTE - MODA
fondata nel 1865.

Direttore responsabile
ITALO CARLO SESTI

 

HA COMPIUTO CENTOTRENTACINQUE ANNI

Scena Illustrata la rivista elegante e rispettabile delle famiglie italiane, ha compiuto 135 anni. Espressione di un vasto movimento culturale che ebbe l'avvio a Firenze nel 1865, quando la vecchia capitale del Gran Ducato diventò capitale del Regno d'Italia.
Partendo da questo glorioso passato e consolidato interesse per tutte le attività storiche, intellettuali e pratiche, Scena Illustrata da questo numero rivolgerà l'attenzione a tutto ciò che avviene nel nostro Paese e nel mondo in continua trasformazione, con una ventata di modernità che dà la prova di quanto vasto e appassionato sia l'interesse della rivista verso il terzo Millennio.
Particolare cura, pertanto, sarà dedicata ogni mese all'OPINIONE in materia morale, politica, sociale, religiosa, all'atteggiamento collettivo dei cittadini, in quanto partecipi delle predette esigenze, alla riflessione ragionata e senza preconcetti degli avvenimenti del mese precedente la pubblicazione, e ai movimenti culturali nostrani ed esteri. In modo che i lettori possano cogliere nelle sue pagine il gusto della vita consistente e profonda anche nei suoi aspetti più impenetrabili, la verità in ogni manifestazione sintomatica delle personalità della politica, della scienza, delle lettere, del giornalismo e delle arti. Le rubriche più frequenti in questi 135 anni di presenza saranno potenziate e meglio curate nel linguaggio che è proprio della testata, sobrio, colorito, elegante, mai superficiale anche dove è più leggero.
Lo staff dei collaboratori esterni sarà allargato e gli sarà conferito più alto livello nel rispetto della tradizione perché possa contribuire, in questi momenti di confusione culturale, politica e quindi mentale che l'Italia attraversa, al recupero dei valori perduti e perché
Scena Illustrata sia l'indicazione di un riferimento chiaro per tutti nel nostro Paese, come quando nel 1890 interessava il 14% degli italiani che non erano analfabeti e che, ormai usciti dall'analfabetismo, non vogliono essere ingannati e illusi con la complicità delle moderne comunicazioni.
Una rubrica nuova che rispecchi il passato e il presente di
Scena Illustrata ed accolga le istanze di Firenze e Roma, dell'Europa e del Mondo, non più differibili, sarà una delle novità del costruttivo e provocante rinnovamento della rivista.
In conseguenza di ciò il personaggio qualificante del mensile sarà il Lettore quale protagonista e oggetto di attenzione e di studio e nel Lettore si rivelerà protagonista il contesto sociale dei vari ambienti e di tutte le nazioni, come lo vorremmo in pace e civilmente armoniose.
D'ora in avanti la rivista offrirà più che mai documenti ed anticipazioni in cui i giovani potranno finalmente trovare una storia senza le divisioni e i pregiudizi di chi li ha preceduti nella ricerca di una uguaglianza di fronte ai benefici della vita, della terra, della libertà e di una cultura sempre migliore in cui si potranno riconoscere e far sentire la propria voce.
Utopia? No. Profondo rispetto. Tutto ciò che l'uomo ha fatto appartiene all'umanità.

La Direzione


Home  -  Riviste 2003 - Riviste 2002 - Riviste 2001 - Altre Riviste -  Su

On line copyright   2001/2005 by LuckyRoma